CONSIGLI

letturasitopiccolaragazzaberrettadilanapiccolaritacompressa CONSIGLI E ANEDDOTI:

Questa pagina è stata creata apposta per dare qualche consiglio… Come prima cosa . . .

se vi capita una volpe o un visone davanti alla macchina non rischiate di andare nel fosso! Primo per la vostra incolumità e secondo perché questi predatori carnivori hanno distrutto più della metà dei recinti dell’Azienda sterminando diverse razze. (160 capi adulti in 2 anni, senza contare i piccoli… Pavoni Arlecchino estinti, Livornesi Collo Argento estinti, Oche Cignoidi estinte, Conigli Bianchi di Nuova Zelanda estinti, dimezzate molte altre razze, non metto foto per evitare di urtare la vostra sensibilità..) I visoni cosa ci fanno qua? E’ semplice qualche ambientalista psicopatico ha avuto la brillante idea di liberarne 2000 da un allevamento da pelliccia a San Marco, qui vicino, e molti si stanno riproducendo nelle campagne, la Provincia di Ravenna non può intervenire perché non sono animali selvatici, ovviamente è vietato catturarli o ucciderli……………………………………………………………………….

————————————————————————————

Qualche aneddoto: Tempo fa capitò che alcune persone che credevano che i pomodori crescessero anche d’inverno in Romagna, perché li vedevano al supermercato, mi chiesero se potevano fare l’orto, io gli risposi certamente però ve ne dovete occupare voi, io ve lo innaffio… non l’avessi mai fatto avete presente la giungla? Praticamente lavoravo per loro e alla fine ho trinciato tutto,  ovviamente queste persone hanno comprato tantissime piantine prese dalla foga del momento e poi hanno lasciato perdere tutto a carico mio… questo per farvi capire che la campagna non è un gioco, c’è da sudare e da lavorare tutti i giorni sporcandosi, anche quando siete stanchi e non ne avete voglia.. Un’altra volta invece è successo che gente che aveva letto su internet che c’era la possibilità di far l’orto arriva entusiasta dicendomi che voleva provarci e inizia a chiedere: allora mi servirebbero 30 pomodori 20 insalate 10 meloni e 10 cocomeri, e io guardi il consorzio agrario ha tutto se vuole le tiro fuori gli attrezzi intanto, ah ma non le date voi? No, rispondo io da dove me le cavo, sono piantine stagionali  le devo comprare al consorzio oppure se vuole risparmiare si costruisce un semenzaio e compra solo i semi guardando al periodo, già li aveva cambiato espressione, ah ma questa terra è dura però non me le pianta lei? E io guardi anche volendo non ne avrei proprio il tempo, ho il campo da seguire, gli animali, gli appartamenti, tutta l’area esterna ecc… e ancora: ma se le pianto io dopo fanno tutto da sole? A volte è davvero buffo ricevere queste domande da persone adulte, fortunatamente non erano li ad ascoltare i loro nonni.. comunque per l’ennesima volta risposi di no, spiegando che in campagna si suda  e ci si sporca quotidianamente per ricevere i buoni frutti dalla terra; e ancora.. ah ma io pensavo che era diverso…… Io mi considero abbastanza paziente ma quando ci vuole ci vuole quindi gli dissi guardi secondo lei io le devo zappare la terra, comprare le piantine, piantargliele, stendere l’irrigazione, farle crescere strappando quotidianamente erbacce e sistemando le canne per la crescita, vuole anche che gliele raccolga? Così l’orto lo faccio io non lo fa lei… Se ne andò stizzito, dopo un mese e mezzo annullò la prenotazione ma non ho rimpianti per quello che gli ho detto, anche perché con i prezzi che offro se pensava di trovare di meglio mi sa proprio che gli è andata male ancora una volta. Comunque sbagliando s’impara.. dicono. Fortunatamente c’è stata anche qualche eccezione che potete verificare dalle fotografie, ospiti che si sono comportati decisamente meglio, con vera passione per la campagna e le conserve! Quante ne hai fatte eh Pietro? Veramente un grande, lui e suo fratello Antonio hanno un’innata passione per le tradizioni e la campagna. Quindi tutto sommato, dato che qualcuno che ci crede c’è e soprattutto fa,  sono fiducioso per il futuro.

Il problema della maggior parte della gente a parer mio è che non si sanno arrangiare, c’è la mania di chiedere costantemente, tutte le persone penso che non debbano vivere solamente di beni materiali ma anche della libertà di modellare gli oggetti che li circondano ingegnandosi per farlo. Il lavoro di una persona nella maggior parte dei casi e persino la sua morte sono gestiti dal “sistema” che lascia all’ individuo una scarsa libertà d’azione. Lo stesso vale per i prodotti di cui si ha bisogno quotidianamente, i vestiti, il cibo, la casa, tutto è affidato a specialisti del settore che possiedono le competenze per la produzione di quei beni. In pochissimi anni se guardiamo al passato più recente quante cose sono cambiate! Le persone non devono più occuparsi di preparare il proprio cibo, di cucire i propri vestiti e di costruire la propria casa, potrebbero avere un sacco di tempo libero, se non fosse che i beni materiali e i servizi hanno un costo, per sostenerlo è necessario trovare un impiego, spesso adattandosi e quasi mai scelto con passione. Ma potrebbe anche andar bene così, c’è chi preferisce stare dietro una scrivania anziché faticare all’aperto, e accetta di stare su quella scrivania tutta la vita: perché, che gli piaccia o no, dietro quel tavolo è necessario starci seduto otto ore al giorno per, se va bene, cinque giorni alla settimana per undici mesi l’anno e passare così i migliori anni della propria vita. Il problema sorge nel momento in cui quel sistema, che ha reso tutti dipendenti e incapaci di fare da sé, collassa e non è più capace di garantirgli i bisogni primari (Come ci stiamo accorgendo); così l’uomo da un lato può permettersi sempre meno i costosi beni e servizi del sistema e dall’altro non ha assolutamente idea di come poter fare da sé perché ha perso i necessari “sapersi arrangiare”.  Riacquistare tali competenze riprendendo il controllo di ciò che è davvero utile auto producendoselo diventa condizione necessaria per vivere bene. Ma recuperare conoscenze sepolte perlopiù coi nostri nonni e bisnonni non è facile, per questo diventa fondamentale la condivisione e lo scambio delle informazioni. La rete è uno strumento fantastico e indispensabile per fare ciò; tanti sono i siti dedicati a questa nobile missione, a patto però che non vi facciate fuorviare! e che per vedere una ricetta non passiate tutto il giorno sui social network o altro.. Per finire: Da diversi anni autoproduco: sono partito da cose semplici come pane e vino, poi sono passato ai liquori (il migliore è il basilico ma anche prugnolino e nocino non sono male vi consiglio di sperimentarli) olio d’iperico contro le scottature miracoloso! marmellate, medaglioni di ortica da congelare ecc. ecc. ecc. e insomma, più produci da te, più capisci che il tuo potere d’azione può estendersi molto più in là di quanto immagini.

Purtroppo non posso vendere i prodotti che lavoro causa rigide leggi sanitarie, edili e burocratiche, ho la possibilità di poterlo fare solamente con prodotti naturali e non lavorati (quali uova e frutta), per ovviare a ciò dovrei avere un laboratorio a norma di diversi mq. con spogliatoi, lavandini, armadietti, bagni di determinate dimensioni ecc. ecc. ecc. (che la legge non mi permette di costruire data la mancanza di edificabilità, sapete come si dice in Romagna per la maggior parte delle nostre leggi? Che sono come un cane che si morde la coda!, Non vanno da nessuna parte..) Ma voi per il vostro consumo e il vostro benessere potete crearvi moltissime cose qualitativamente di gran lunga superiori a quelle che comprereste nei supermarket! Vi assicuro che la soddisfazione c’è, sta a voi decidere e sopratutto fare! Queste “piccole cose” non sono solo beni materiali ma anche momenti durante i quali ti dimentichi dei tuoi problemi estraniandoti dal sistema; potete trovarli ovunque intorno a voi; quando avete del tempo libero state all’aperto e vedrete, che accantonando la pigrizia, siete letteralmente circondati di cose da fare, conosco fortunatamente ancora signore di 90 anni, amiche dei miei nonni che fanno fatica a reggersi in piedi vi assicuro! E quando vado a mangiare dai loro figli al ristorante sono nei fossi a cercare erbe per insaporire i piatti, i figli le bacchettano a non finire e sapete la loro risposta qual è? Se non mi vedi tornare vieni a cercarmi nel fosso!

nonnagiuliababbogiuliapiccola

Fantastica Romagna con le sue tradizioni che sta a noi portare avanti. nonnasilvananonnasito1piccola lucioeluca

Qualche consiglio salutare..  Accendere una sigaretta significa immettere in ambiente più di 4000 sostanze chimiche ad azione irritante, nociva, tossica, mutagena e cancerogena; ha un tempo di degradazione stimato intorno ai 10 anni. Un terzo dei rifiuti nel mare Mediterraneo sono mozziconi, Solo per fare un esempio, secondo uno studio dell’Enea, le cicche gettate per terra in Italia, mezzo milione al giorno solo a Roma, producono qualcosa come 1.500 tonnellate di catrame.) Per chi proprio non può farne a meno per i mozziconi ci sono i posacenere all’interno dei cestini di legno. (Nel caso vi fumaste una sigaretta in macchina d’inverno oltre a sprigionare 4000 sostanze chimiche nocive per eliminarne il 95%, sarà necessario arieggiare l’ambiente per almeno tre ore… Per la spesa quotidiana di frutta, verdura e per la vostra salute si consiglia di comprare nei punti campagna amica o all’ Agrintesa più vicina (vicino alla cantina sociale di Russi, rimane dopo la rotonda prima di Russi a 300 mt.) , sono tutti prodotti della zona. Si consiglia inoltre di perdere mezz’ora in più quando fate la spesa e di controllare i prodotti che comprate, specie se contengono olio di palma che vi sconsigliamo. I liquori, il pane fatto con la pasta madre e tutte le materie che necessitano di una lavorazione non possono essere vendute causa assenza di laboratorio che non si può edificare causa mancanza di edificabilità. differenziata

Risolvere il problema dei rifiuti senza inceneritori e discariche che provocano tumori è possibile solo grazie al riciclo, se non la volete fare perché siete pigri vi preghiamo di farla comunque per il pianeta che ci ospita e per chi ospiterà in futuro. E’ la testa delle persone che deve cambiare ed è compito di tutti insegnare a chi ancora ha questi atteggiamenti menefreghisti tipici delle persone che si lamentano costantemente senza fare niente.

filtrosporco

L’aumento di allergie negli ultimi anni è aumentato di pari passo con l’aumento dei condizionatori. I gas che utilizzano causano un inquinamento pericoloso e persistente non avvertito immediatamente perché i gas si presentano come inodore e incolore. I condizionatori devono essere per legge sottoposti periodicamente a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione, in Italia nella stragrande maggioranza dei casi ci si preoccupa invece solamente di ricaricare il gas perché raffredda meno l’impianto, il filtro lo si pulisce in quel caso dopo anni scoprendo che è nero come la pece, quelli sono acari che defecano li e quindi il condizionatore anche vi spara le loro feci in faccia.  Le più frequenti patologie causate da agenti biologici e loro derivati presenti nell’aria sono l’otite, la polmonite e l’asma, ma anche l’eczema e l’orticaria e sono causate  perlopiù a virus, batteri, funghi, pollini, acari.È ormai tristemente nota la cosiddetta Sindrome dell’Edificio Malsano caratterizzata da sintomi  a volte più lievi di quelli sopra citati come cefalea, sonnolenza, bruciore degli occhi, senso di irritazione della gola, tosse,  irritazione cutanea ecc..Detto questo, cercate e aprite il manuale della vostra auto, guardate dove sono i filtri dell’abitacolo e dell’aria e sostituiteli personalmente ogni 15.000 km.

In bagno vi consiglio di smettere di utilizzare saponi liquidi in contenitori super vistosi e commercializzati tramite grandi campagne pubblicitarie, il sapone di Aleppo per dirne uno in vendita tra i 1000 prodotti della Bottega Giorgioni (in centro a Ravenna aperta dal 1888), è composto da olio di Aleppo, olio di oliva e olio di alloro Stop;  tutti prodotti naturali quindi…Provate a prendere un sapone qualsiasi che avete in casa e leggete con che cosa vi lavate quotidianamente. In molti casi, per garantire l’igiene adeguata, sono sufficienti acqua calda, un detersivo multiuso, sapone di Marsiglia e rimedi naturali, come aceto (per eliminare le macchie), bianco di Spagna (per la pulizia di vetri, e specchi). Da limitare anche il ricorso a deodoranti e profumi per l’ambiente, spray insetticidi, lucidanti e pesticidi per le piante. Le nostre nonne non ci crederebbero, ma trascorrere due-quattro ore al giorno davanti ai fornelli equivale a fumare venti sigarette. In cucina infatti c’è un’altissima concentrazione di monossido di carbonio, idrocarburi e ossido di azoto.

Se guardate tramontare il sole la sera vedrete dei colori e delle sfumature a dir poco splendide! Ebbene purtroppo sono tramonti malsani che quarant’anni fa non c’erano, quegli effetti da fotografia così belli che amiamo sono causati dalle particelle di metalli in sospensione che tramite la rifrazione dei raggi solari creano quell’effetto da cartolina.

un ultimo consiglio, raccogliete le erbe! Una delle più famose è l’iperico, va raccolta la notte di San Giovanni nei fossi e nei campi come vuole la tradizione, (E’ la notte delle streghe e cade tra il 23 e il 24 giugno quando si usa andare in cerca di erbe bagnate dalla rugiada intrise di nuova forza, momento giusto per diverse raccolte come le noci per il nocino! Sino a quando, il prossimo anno, verranno bruciate le vecchie erbe protettrici nei falò e rinnovate. Halloween è la festa dei morti!) Ci sono diverse ricette per preparare un olio miracoloso contro le scottature.

San Michele e il Drago:

IMG_8775

Bassorilievo visibile a Sarsina Secolo X  (Cristo in trono, alla sinistra San Gabriele e alla destra San Michele che calpesta  il demonio raffigurato drago)

Troviamo la descrizione della battaglia e della sua vittoria nel capitolo 12 del libro dell’ Apocalisse: Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle. Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto. Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi; la sua coda trascinava giu’ un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla Terra. Il drago si pose davanti alla donna che stava per partorire, per divorare il bambino appena nato. Essa partori’ un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro, e il figlio fu subito rapito verso Dio e verso il suo trono. La donna fuggi’ invece nel deserto, ove Dio le aveva preparato un rifugio….

IMG_8783

ED ECCO MICHELE STAGLIARSI DI FRONTE ALLA BESTIA CHE INTENDEVA INSIDIARE IL FRUTTO DELLA VERGINE:

IMG_8785

Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo. Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli. Allora udii una gran voce nel cielo che diceva: Ora si è compiuta la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio e la potenza del suo Cristo, poiché è stato precipitato l’accusatore dei nostri fratelli, colui che li accusava davanti al nostro Dio giorno e notte. Ma essi lo hanno vinto per mezzo del sangue dell’Agnello e grazie alla testimonianza del loro martirio, poiché hanno disprezzato la vita fino a morire. Esultate, dunque, o cieli, e voi che abitate in essi. Ma guai a voi, terra e mare, perché il diavolo è precipitato sopra di voi pieno di grande furore, sapendo che gli resta poco tempo” Ap. 12,7-12.  

IMG_8787

CITAZIONI:

Il potere di dominare la lingua di un popolo offre guadagni di gran lunga superiori che non il togliergli province e territori o schiacciarlo con lo sfruttamento. Gli imperi del futuro sono quelli della mente. Winston Churchill

Non ho paura della cattiveria dei malvagi ma del silenzio degli onesti.  Martin Luther King

La donna è uscita dalla costola dell’uomo non dai piedi perchè dovesse essere pestata, non dalla testa per essere superiore, ma dal fianco per essere uguale, un pò più in basso del braccio per essere protetta e dal lato del cuore per essere amata .  Dal Talmud

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

MINI APPARTAMENTI E SUITE PER BREVI E LUNGHI PERIODI